AREZZO - Telemedicina per i pazienti pneumologici gravi grazie al Calcit

Una borsa di studio finanziata dal Calcit per un valore di 54.000 euro per realizzare un progetto di telemedicina che coinvolge i pazienti con patologie respiratorie croniche gravi, dimessi dal reparto di Pneumologia e UTIP in ventilazione meccanica invasiva e non invasiva.
Il progetto ha già preso il via e rappresenta una novità importante per il territorio aretino: si tratta della possibilità di essere “tele-assistiti” dall’ospedale in seguito alle dimissioni, in modo tale da garantire una continuità e un “ponte” sicuro tra l’equipe pneumologia ospedaliera e casa.
In pratica il paziente ha una linea telefonica dedicata che gli permette, in qualsiasi momento della giornata, di avere un consulto immediato e, nel caso, di attivare le figure competenti. Il progetto prevede la presenza di un infermiere della Pneumologia e UTIP, chiamato Case Manager, che si prende in carico i pazienti “pneumologici” cronicamente critici dalla preparazione alla dimissione fino alla tele-assistenza dall’ospedale a domicilio. Inoltre, il paziente dimesso ha a disposizione un modem di connessione per la trasmissione di dati sulla ventilazione e sulla saturazione e un pulsossimetro.
I primi risultati del progetto sono incoraggianti: l’attivazione del Case Manager ha già evitato il ritorno in ospedale di numerosi casi dimessi dalla Pneumologia e UTIP di Arezzo. Il progetto è stato validato e appoggiato dalla Fondazione Cesalpino.