AREZZO - Oncologo e patologo a confronto



AREZZO – “L’oncologo incontra il patologo”. E’ il titolo del corso, destinato a medici specialisti e specializzandi, che si terrà il 16 e 17 maggio all’auditorium Pieraccini dell’ospedale di Arezzo. Professionisti da tutta Italia, e oltre, saranno in città per approfondire e favorire l’approccio multidisciplinare alle varie patologie oncologiche.
L’evento formativo, organizzato da Sergio Bracarda (direttore del Dipartimento di Oncologia della Asl Toscana sud est) e da Rodolfo Montironi (Sezione di Anatomia Patologica Azienda Ospedaliero-Universitaria Torrette di Ancona) ha il patrocinio del Calcit di Arezzo e dell’Aiom (Associazione italiana oncologia medica).
E’ giunto alla quarta edizione e tra i relatori figurano numerosi professionisti della Asl Toscana sud est, tra i quali il direttore generale Enrico Desideri, Graziano Ceccarelli, Franco Lelli, Andrea Carnevali, Giandomenico Roviello, Michele Sisani, Chiara Zini, Filippo Annino, Simona Borghesi e Sabrina del Buono.
“Al momento attuale, non si può non riconoscere l’importanza dei dati genomici – dichiara Sergio Bracarda – Sempre più stanno entrando nella classificazione dei tumori e di conseguenza nella scelta dei tipo di trattamento a cui sottoporre il paziente. Affrontare questa mutazione della moderna oncologia significa prendere atto che l’approccio multidisciplinare diventa sempre più necessario ed efficace”.