Vai a Iscriversi al servizio sanitario e scegliere il medico o il pediatra

Chi è
Il Medico di Medicina Generale (o medico di famiglia) è una figura integrante ed essenziale dell'organizzazione sanitaria complessiva e partecipa allo svolgimento dell'attività sanitaria in conformità a quanto disposto dalla Convenzione Nazionale, dagli accordi regionali e da protocolli operativi stipulati con la ASL a livello locale. Al Medico di Medicina Generale compete la responsabilità complessiva della salute del proprio assistito attraverso interventi diagnostici, terapeutici, riabilitativi, preventivi individuali e di educazione sanitaria.

Medico  di famiglia e assistito: un rapporto di fiducia 
Il rapporto fra Medico di famiglia e assistito è basato sulla fiducia: se viene meno questo rapporto, per accertati motivi di incompatibilità il Medico può ricusare (ossia cancellare dal proprio elenco) l'assistito. La ricusazione viene comunicata alla ASL competente che provvede a informare l'assistito. Il Medico è comunque tenuto ad assistere il cittadino per altri 16 giorni dalla data di comunicazione della ricusazione se l'assistito non ha ancora scelto un nuovo medico di famiglia.

Quando e dove trovare il Medico di famiglia
Il Medico di famiglia riceve nel suo ambulatorio cinque giorni alla settimana, secondo un orario definito dal medico stesso anche in relazione alle necessità degli assistiti. Il suo lavoro si svolge dalle 8.00 alle 20.00 dal lunedì al venerdì. E' raggiungibile telefonicamente dalle 8.00 alle 10.00 (dal lunedì al venerdì) e durante gli orari di ambulatorio.

Nella fascia oraria che va dalle ore 8.00 alle ore 10.00 è possibile richiedere al proprio medico la visita domiciliare; il medico, valutata la situazione  e compatibilmente con gli impegni e gli orari di ambulatorio, la effettua nello stesso giorno a domicilio o presso i'ambulatorio. Le visite richieste dopo le ore 10.00 si effettuano entro le ore 12.00 del giorno successivo.
Oltre all'orario di ambulatorio e alle visite domiciliari, il Medico di famiglia effettua gli accessi nelle Residenze Sanitarie Assistenziali, l'Assistenza Domiciliare Programmata per i pazienti che - a causa di patologie invalidanti - non possono recarsi all'ambulatorio, i consulti in Ospedale. 

Se il Medico di famiglia è assente
Quando il Medico di famiglia è asssente per motivi di salute, riposto, studio o altro  comunica agli assistiti,  attraverso un messaggio nella segreteria telelfonica e un avviso negli studi convenzionati, il nome e i recapiti telefonici del medico che lo sostiutisce.
Quando il Mediico di Medicina Generale non è in servizio (ore notturne, giorni prefestivi e festivi), l'assistenza sanitaria è garantita dal servizio di Continuità Assistenziale; per le prestazioni di emergenza-urgenza, occorre invece rivolgersi al Pronto Soccorso o attivare il Servizio di Emergenza Terrritoriale 118.

Le prestazioni 
Il Medico di Medicina Generale garantisce ai suoi assistiti, senza alcun compenso, le seguenti prestazioni: 
  • visite mediche ambulatoriali, domiciliari (programmate o occasionali), visite nelle Residenze Sanitarie Assistenziali e consulti in Ospedale
  • prescrizioni su ricettario sanitario regionale dei farmaci a carico del SSN, delle visite specialistiche e indagini diagnostiche ritenute necessarie dal medico stesso, di altre prestazioni previste dalla normativa regionale (trasporti sanitari, prestazioni termali, presidi sanitari)
  • prescrizioni sul ricettario personale del medico deiarmaci di classe C (non a carico del SSN), di prestazioni non comprese nei Livelli Essenziali di Assistenza (LEA)
  • rilascio di certificazioni obbligatorie per legge per la riammissione agli asili nido, alla scuola dell'infanzia, alla scuola elementare, media e superiore; certificazioni per incapacità temporanea al lavoro; certificazioni per la riammissione al lavoro degli alimentaristi; certificazioni per l'idoneità allo svolgimento di attività sportiva non agonistica in ambito scolastico e parascolastico, con richiesta dell'autorità scolastica competente (TUTTE LE ALTRE CERTIFICAZIONI SONO A PAGAMENTO).

Forme di associazione fra Medici di Medicina Generale
Il Medico di Medicina Generale può fare parte di una forma associativa con altri medici di Medicina Generale del suo ambito territoriale di iscrizione. In questo caso i medici aderenti all'associazione sono tenuti a comunicare ai cittadini iscritti nei propri elenchi le forme e le modalità organizzative dell’associazione anche al fine di facilitare l’utilizzazione dei servizi offerti. Fatto salvo il principio della libera scelta del medico da parte dell'assistito e del relativo rapporto fiduciario individuale, ciascun Medico di medicina Generale partecipante alla forma associativa si impegna a svolgere la propria attività anche nei confronti degli assistiti degli altri medici della forma associativa medesima.