Sono stati oltre 700 gli operatori che hanno partecipato alle tre edizioni della II Convention 2019 delle Professioni Tecnico Sanitarie, della Riabilitazione e della Prevenzione dell’Ausl Toscana sud est. La prima edizione si è svolta il 5 aprile a Grosseto, la seconda il 12 aprile ad Arezzo e infine a Siena, il 6 maggio scorso. La I Convention 2018 aveva l’intento di far conoscere il dipartimento delle professioni e condividere i valori tra i professionisti. Quest'anno l’obiettivo è stato quello di valorizzare una serie di progetti innovativi fra quelli più significativi in termini di impatto sui pazienti e sulla popolazione generale. Il direttore del dipartimento, Daniela Cardelli, ha aperto i lavori ripercorrendo l’ultimo anno con le azioni svolte, quelle in corso e quelle da fare all’insegna della condivisione fra tutte le aree professionali del dipartimento.

È stata poi presentata un’analisi sulle aggressioni agli operatori sanitari, con gli eventi accaduti e le strategie di prevenzione. I progetti innovativi oggetto della Convention sono stati i seguenti: tele-riabilitazione come supporto e integrazione nel trattamento dei pazienti con sclerosi multipla; anatomia patologica di Grosseto: la metodologia Lean; i dati degli infortuni sul lavoro per la progettazione degli interventi di prevenzione; rete di nutrizione dietetica: l’ambulatorio della disfagia; laboratorio: qualità e certificazione; l’accettazione personalizzata a supporto del percorso assistenziale specialistico di medicina fisica; sperimentazione di un servizio di radiologia domiciliare per non deambulanti; telegestione e teleconsulto; progetto Kairos: la musica e la riabilitazione; la promozione della cultura della sicurezza nelle scuole; ruolo del tecnico sanitario di radiologia medica nel processo di registrazione dei carichi di lavoro e delle esposizioni a radiazioni ionizzanti nelle sale operatorie e nelle interventistiche.

L’inizio dei lavori è stato preceduto dai saluti del direttore sanitario Simona Dei a nome della direzione aziendale, del presidente dell’Ordine dei Tecnici Sanitari di Radiologia Medica (TSRM) della provincia di Siena, Massimo Ferrandi, e dei direttori di zona-distretto della Valdelsa, Luca Vigni, e della Valdichiana Senese, Roberto Pulcinelli.