Generosa dimostrazione di altruismo per i pazienti dializzati in cura presso l’ospedale Sant’Andrea di Massa Marittima. Si è svolta infatti stamattina, la cerimonia di inaugurazione della poltrona bilancia che l’associazione Nefro Toscana onlus ha donato all’UOSD Nefrologia e Dialisi di Massa Marittima, diretta dalla dottoressa Lorena Traversari.

La poltrona bilancia è un elemento indispensabile per le attività ordinarie del Centro Dialisi di Massa Marittima perché consentirà ai pazienti dializzati che trascorrono molto tempo seduti mentre svolgono la terapia, le migliori condizioni di confort. Questo vale in modo particolare per quei pazienti che presentano alcuni tipi di problematiche tra cui obesità, BPCO, ernie addominali e trovano maggiori difficoltà rispetto ad altri a raggiungere adeguati standard di comodità.

“Ringrazio di cuore l’associazione Nefro Toscana onlus e i volontari presenti perché con questo gesto sono riusciti a venire incontro alle esigenze di cura dei cittadini ma anche dei professionisti che lavorano ogni giorno con impegno e abnegazione.- commenta la dottoressa Traversari – Tutto questo è stato reso possibile grazie allo sforzo della ‘Compagnia di Nonna Papera’, composta dalle volontarie Sandra Simonetti, Cinzia Donnini, Caterina Barbato, Tommasina Cruciani, Toni Giovanna e tutte le signore che le hanno aiutate, che ha raccolto i fondi necessari attraverso la vendita ai mercatini di oggetti creati da loro. La poltrona porterà dei vantaggi non solo tecnici, ma garantirà la continuità del servizio dialisi andando ad affiancarsi ai letti bilancia già in uso nel reparto”.

L’emodialisi o dialisi extracorporea non è la sola attività peculiare del reparto Nefrologia e Dialisi di Massa Marittima che svolge anche importanti volumi di attività ambulatoriale nefrologica (visite nefrologiche, ecografie addominali ed ecocolordoppler dei vasi renali), oltre alle consulenze interne per i pazienti afferenti al Pronto Soccorso o ricoverati nei vari reparti dell'ospedale Sant’Andrea. L'attività nefrologica, che affianca quella dialitica, è di primaria importanza per tutto il territorio di riferimento compreso nella zona Colline Metallifere, poiché permette l'identificazione dei pazienti nefrologici, la diagnosi, la cura, la prevenzione delle complicanze e il controllo della progressione delle patologie renali evolutive.

“Il nostro impegno è l'umanizzazione delle cure - spiega il direttore dell’ospedale, Daniele Lenzi - Cerchiamo di porre la massima attenzione al rispetto dei pazienti,  facendo tutto il possibile per ridurre il discomfort dovuto a volte alle lunghe terapie, cercando di rendere più leggera possibile l’attesa durante la dialisi. La collaborazione con il territorio e con le associazioni è una componente fondamentale dei servizi al cittadino e la donazione di oggi è un’altra conferma di come sia possibile intervenire positivamente nei percorsi di cura”.

“Sono qui nella doppia veste di rappresentante dell’amministrazione comunale di Massa e socia della Nefro Toscana onlus che insieme ad altri volontari ho visto nascere – spiega l’assessore alle Politiche Sociali, Tiziana Goffo – Per questo so bene il grande lavoro che è stato fatto per arrivare a questo importante risultato che mi inorgoglisce sia come assessore che come cittadina. Tanti progetti sono stati realizzati e tanti ancora quelli in cantiere, possibili grazie alla generosità di chi dedica parte del suo tempo per il bene degli altri”.

“La Nefro Toscana Onlus, che fa parte del Forum del Volontariato di Follonica - riferisce Renzo Zinali - si occupa da molto tempo di prevenzione della patologia renale cronica, effettuando screening nefrologici sul territorio toscano, iniziative di educazione della popolazione ai corretti stili di vita e realizzando attività di supporto per soggetti nefropatici e le loro famiglie. E’ per noi una grande soddisfazione aver contribuito a rendere il servizio di dialisi del territorio migliore per chi ne ha bisogno”.

“Anche io desidero esprimere la mia gratitudine nei confronti dell’associazione e in generale del terzo settore, sempre vicino alla Asl Toscana sud est e di rimando ai cittadini che hanno bisogno di usufruire dei servizi sanitari. Contribuire a mettere i professionisti in condizioni ottimali nello svolgimento delle loro mansioni significa sostenere il patto di cura con i pazienti, basato sulla reciproca fiducia che mi auguro resti saldo nel tempo”. – conclude Giacomo Termine, presidente della Conferenza dei Sindaci.