Asl, sindaci e cooperative a confronto. Desideri: “Sono i professionisti che si spostano nel territorio per garantire le migliori cure”  

BIBBIENA – Tappa casentinese ieri per “Tessere i territori”, la campagna di ascolto della Asl Toscana sud est che sta coinvolgendo ogni Zona.  L’obiettivo di queste giornate di lavoro è analizzare i bisogni del territorio e formulare risposte e soluzioni attraverso un confronto tra i vari soggetti: Asl, Comuni, cooperative e associazioni.
“La sanità del futuro è equità di accesso alle cure e sostenibilità, stiamo lavorando in questa direzione – ha detto Enrico Desideri, direttore generale Asl Toscana sud est - Un cambiamento indispensabile, che mette paura ai cittadini come tutti i cambiamenti, ma che fino ad ora ha dato grandi risultati. Solo confrontandoci insieme possiamo trovare la strada giusta ed è proficuo l’incontro di oggi - continua Desideri -  In Casentino la popolazione è per lo più anziana e sopra i 65 anni una persona ha più patologie contemporaneamente. Per dare la miglior risposta al cittadino sono i professionisti (medico di famiglia,  diabetologo, cardiologo ecc.) che  si confrontano e si spostano nel territorio. Questa è  la Rete e questa è la nostra grande sfida. Se diamo all’utente la cura migliore, evitiamo che perda tempo in visite inutili. In quest’ottica diminuiranno anche gli accessi al pronto soccorso e  il numero di ricoveri evitabili”.
Al mattino erano in programma alcune relazioni, che hanno permesso di delineare un quadro demografico, socio-economico e sanitario della vallata. Tra i dati, rispetto ai precedenti censimenti, è emerso che: in Casentino c’è un buono stato di salute generale, con bassi tassi di mortalità generale e prematura, sia per gli uomini che per le donne. C’è però un basso tasso di natalità, con una forte diminuzione anche tra  la  popolazione straniera; per l’infarto al  miocardio, sia di uomini che di donne, la mortalità è più elevata rispetto alla media regionale, mentre per le donne in particolare si registra un tasso alto di mortalità per malattie cerebrovascolari. La mortalità per incidenti stradali è alta e superiore alla media regionale mentre si muore meno per i tumori, ad eccezione di quelli alla mammella per le donne e quelli allo stomaco per gli uomini anche se negli anni è andato riducendosi.  A livello di numeri, la speranza di vita per gli uomini è di 81 anni, per le donne arriva a 85. Il tasso di natalità, cioè quanti nati su 1000 residenti, è pari a 6,3 quindi più basso sia della media di Area Vasta (7,13) che quella regionale (7,34). Per i dati socio-economici, è da rilevare che il reddito medio è più basso rispetto  a quello regionale ma in compenso è basso anche la disoccupazione, in particolare a confronto con le altre Zone della Asl sud est.
Nel pomeriggio si è riunita la conferenza dei sindaci, che è stata l’occasione per fare il punto sui patti territoriali.
Contemporaneamente alla Conferenza dei sindaci, alcuni gruppi tematici si sono riuniti per discutere di: “La rete ospedaliera”; “Le cure primarie: Aft, case della salute, Reti cliniche intergrate e strutturate”; “Le cure intermedie: Acot, cure intermedie, Mo.di.Ca, Riabilitazione residenziale territoriale; “L’emergenza”. I vari gruppi hanno messo in evidenza criticità e proposte, recepite con attenzione dalla direzione aziendale che analizzerà i percorsi possibili per attuare le soluzioni entro date condivise insieme alla Conferenza dei sindaci e inserite nel nuovo programma operativo annuale.
La giornata ha visto la partecipazione di circa cento persone, che nella pausa pranzo hanno potuto visitare il Museo Archeologico del Casentino “Piero Albertoni”.