Ospedale San Donato: al via un percorso dedicato ai bambini con problemi dermatologici

AREZZO – Un progetto finanziato dal Calcit che garantisce alla Pediatria del San Donato un dermatologo a disposizione dei piccoli pazienti.
“ La diagnosi precoce – ha affermato Giancarlo Sassoli, presidente Calcit - è stata l’obiettivo fin dalla nostra fondazione e sostenere questo progetto rivolto ai bambini con un contributo annuo di 15000 euro rafforza il nostro impegno a proseguire nella prevenzione”.
Cristina Cuciti è la dermatologa che in giorni prestabiliti gestisce l’ambulatorio dedicato ai bambini ricoverati, inviati dal pronto soccorso o dal pediatra di famiglia all’interno della Pediatria.
La dermatologa, specializzata nel 2015, ha approfondito la Dermoscopia, Chirurgia dermatologica e malattie rare. Ha frequentato, in qualità di medico dermatologo volontario, l’ospedale pediatrico Meyer.
“Questa mia esperienza – spiega Cristina Cuciti - ha permesso di instaurare dei percorsi assistenziali diretti tra la Dermatologia di Arezzo e l’ospedale pediatrico fiorentino. Possiamo confermare che siamo in grado di poter assicurare ai piccoli pazienti una diagnosi precisa e percorsi di cura adeguati”.
“E’ un servizio importantissimo che va a colmare un vuoto – ha detto Marco Martini, direttore della Pediatria di Arezzo - Un grande passo avanti per l'assistenza dei bambini con problemi come dermatite e angiomi che fino ad adesso venivano visti nell’ambulatorio degli adulti. Da oggi anche i pediatri di famiglia possono inviare i loro piccoli pazienti. Questo qualifica ancora di più il nostro reparto.”
Collaborazione anche con la sala operatoria, il chirurgo Marta Scricciolo fa parte dell’equipe di questo progetto.
E’ coinvolta nel progetto anche la Neonatologia. Qui la dermatologa visita i nuovi nati nei primi giorni di vita. “Una presa in carico precoce – sostiene Letizia Magi, direttore Neonatologia Arezzo – è molto utile soprattutto per i controlli successivi e a lungo termine”.